WikiTarlo
Blog di Italsave Antitarlo

Sottotetti di chiese, musei e beni culturali:
cibo appetitoso per i tarli del legno

Lo sviluppo dei tarli del legno nei sottotetti

I sottotetti rientrano tra gli ambienti in cui lo sviluppo dei tarli del legno è molto favorito.

In tali ambienti, infatti, spesso si creano particolari condizioni climatiche e ambientali (temperature e umidità), che agevolano l’insediamento e lo sviluppo di agenti biologici di degrado.

Poca aerazione, valori di umidità molto elevati e presenza di poca luce costituiscono alcuni dei fattori che consentono ai tarli del legno di attaccare le strutture lignee, perché presenti in un ambiente idoneo.

Questo rappresenta un problema molto serio, soprattutto perché spesso si parla di attacco e di degrado di strutture lignee portanti, non solo di costruzioni private, ma anche di edifici storici e artistici, come chiese, biblioteche, musei, pinacoteche, ecc.

Il danno, che i tarli del legno possono provocare, rischia di essere irreparabile, se non si provvede, in tempi brevi, a risolvere il problema di infestazione.

Per questo motivo, di fondamentale importanza risulta essere la verifica delle condizioni strutturali dei sottotetti in legno.

Gli attacchi dei tarli sulle strutture lignee non avvengono limitatamente in un momento isolato, bensì iniziano a manifestarsi in pochi punti, sviluppandosi poi costantemente nel tempo e provocando un notevole aumento delle infestazioni in corso.

Tralasciare questo problema, significa consentire ai tarli del legno di continuare la loro opera di scavo nelle travi e il loro costante sviluppo, rischiando, in pochi anni di provocare la riduzione della sezione delle travi, fino al crollo del tetto.

Questo avviene, perché i tarli, nutrendosi del legno, spesso riducono internamente le travi ad un semplice ammasso di rosume polveroso.

Ben si può comprendere, come un attacco del genere sulle strutture portanti, rischia di compromettere la stabilità strutturale dell’edificio.


Come proteggere o curare i sottotetti dall'attacco dei tarli

È fondamentale effettuare dei controlli periodici dei sottotetti (almeno ogni 2 anni), per tenere sempre sotto controllo lo stato del legno ed eventualmente provvedere ad intervenire con trattamenti curativi nei tempi corretti.

trattamento antitarlo di un sottotetto

Italsave Antitarlo ha eseguito trattamenti antitarlo curativi di sottotetti di diversi edifici, appartenenti all’ambito dei beni culturali, come chiese, musei, biblioteche, pinacoteche e palazzi storici, con la metodologia Calore PROtection.

Spesso si è stati costretti ad intervenire in situazioni strutturali compromesse, con il legno eroso profondamente, per cui è stato necessario far seguire, agli interventi di disinfestazione dei tarli, anche lavori di ristrutturazioni, recupero e restauro.

In molti altri casi, l’attenzione posta alla corretta manutenzione delle strutture, ha consentito di effettuare interventi antitarlo più rapidi e meno invasivi e costosi.

Salvaguardare edifici di importanza storica e artistica significa analizzare, verificare, proteggere ed eventualmente curare nei tempi giusti le strutture lignee, e migliorare le condizioni ambientali per non rischiare di perdere importanti architetture, che hanno fatto la storia e il prestigio del nostro paese.


Se hai necessità di esaminare le condizioni strutturali di un edificio storico o di risolvere un'infestazione da tarli acclarata, siamo a disposizione per un sopralluogo o un intervento.


Categorie

Risolvi il problema dei tarli definitivamente

Richiedi un preventivo gratuito