WikiTarlo
Blog di Italsave Antitarlo

Restaurare un mobile in legno tarlato

Quando i tarli attaccano i mobili in legno, causano dei danni estetici e strutturali, che, soprattutto nel caso di mobili antichi e preziosi, rappresentano un serio problema.

La fase più lunga del ciclo vitale del tarlo è quella larvale. In questa fase, il tarlo vive all’interno del legno e se ne nutre, creando profonde gallerie e danneggiando il mobile a livello strutturale.

Raggiunta la maturità, il tarlo adulto sfarfalla dal legno, facendo cadere la polverina prodotta in cumuli in prossimità del manufatto e creando dei fori sulle superfici del mobile.

Così facendo, causa evidenti danni estetici, che deturpano l’aspetto del manufatto colpito.

Quando ci si rende conto che i mobili sono stati oggetto di aggressione da parte dei tarli, molto spesso, si valuta il restauro degli stessi, al fine di recuperarli.

In virtù di ciò, è importante intervenire con un trattamento antitarlo il prima possibile, per limitare i danni ed evitare che i mobili possano danneggiarsi irreparabilmente.





Fori e gallerie di tarlo

Il restauro del mobile e il trattamento antitarlo

Il trattamento antitarlo è una fase fondamentale nell’ambito del restauro dei mobili.

Se si restaura un mobile, infatti, senza effettuare un idoneo trattamento di disinfestazione tarli, si rischia di rendere vano un lavoro molto delicato.

La presenza dei danni da tarli, come gallerie, fori e rosume, implica un’attività infestante in corso.

Man mano che i tarli adulti sfarfallano, depongono nuove uova sullo stesso mobile o sugli altri manufatti presenti, assicurando il prosieguo della loro specie e ampliando esponenzialmente il grado di infestazione attiva.

Per tale ragione, è fondamentale considerare il trattamento antitarlo come parte integrante delle fasi di un restauro serio.


Antitarlo microonde comodini

Quale trattamento antitarlo effettuare sui mobili e quando?

La soluzione più diffusa è quella di applicare un prodotto antitarlo a base di permetrina sulle superfici sverniciate del legno, e iniettarlo nei fori di sfarfallamento presenti.

La permetrina è una sostanza efficace contro i tarli che ne vengono a contatto. Quindi è ottima come soluzione protettiva, per impedire ai tarli esterni di infestare il legno trattato col composto.

Purtroppo, però, il limite del prodotto è la scarsa capacità di essere assorbito dal legno, e, quindi, non può raggiungere le larve di tarlo, che si sono portate più in profondità. Inoltre, le uova non possono essere abbattute, perché non assorbono il prodotto.

Per non rischiare, dunque, di lasciare residui di tarli in mobili restaurati, è utile intervenire con delle disinfestazioni antitarlo professionali.

Ad esempio, il metodo antitarlo microonde è un’ottima soluzione curativa, in quanto colpisce ed elimina tutte le forme biologiche del tarlo.

Può essere eseguito prima dell’avvio delle fasi di restauro, in modo tale da poter lavorare poi su un mobile correttamente bonificato.

Le operazioni di trattamento antitarlo durano pochi minuti o ore (a seconda del tipo di manufatto) e i mobili sono immediatamente fruibili.

I più importanti restauratori del Veneto, infatti, si rivolgono a noi per la disinfestazione antitarlo microonde di mobili, così che possano poi effettuare le lavorazioni di restauro in tranquillità.

In alternativa, se ci si accorge dell’infestazione a fine restauro, è comunque possibile effettuare il trattamento microonde, durante il quale, saranno applicate le procedure adatte allo specifico caso.


Come restaurare un mobile tarlato?

Terminate le operazioni di bonifica da tarli, è possibile passare al restauro del mobile in legno.

Si può decidere di intervenire su due livelli di restauro: il restauro conservativo o il restauro completo a regola d’arte.


Chiusura fori di sfarfallamento

Restauro conservativo

Il restauro conservativo consiste nell’intervenire sui mobili con operazioni basilari.

Non si va ad alterare l’aspetto del mobile, ma vengono riparati esclusivamente i danni provocati dai tarli.

Le operazioni previste dal restauro conservativo sono:

  • soffiatura dei fori di sfarfallamento, utile per rimuovere le polveri e il rosume prodotti dai tarli,
  • chiusura dei fori di sfarfallamento: viene utilizzato dello stucco in cera dello stesso colore del mobile, così da far tornare le superfici lisce e omogenee,
  • lucidatura del legno con composto a cera, per nutrire le fibre del legno.

Con il restauro conservativo, è, così, possibile eliminare i danni provocati dai tarli durante la loro attività.


Restauro completo

Restauro completo a regola d’arte

Soprattutto nei casi in cui i mobili si presentano notevolmente deturpati e rovinati, può essere necessario intervenire con un restauro completo.

Il restauro a regola d’arte prevede degli interventi più approfonditi, che considerano ogni singola parte del manufatto, per dargli nuovamente funzionalità e recuperarne l’aspetto estetico.

Si tratta di un intervento più elaborato ed approfondito, in quanto dà un aspetto completamente rinnovato al mobile.

Per tale ragione, è indispensabile effettuare una corretta analisi del mobile, ove viene fatto il riconoscimento della materia utilizzata e dell’epoca di realizzazione e si esaminano le condizioni dello stato attuale.

Sulla base di tali informazioni, si stabiliscono le fasi da svolgere e ci si confronta con il committente per eventuali richieste personali circa variazioni estetiche e/o strutturali.

Superata questa fase preliminare, si dà l’avvio all’opera di restauro completo, che prevede:


Conclusioni

Quando si è in possesso di mobili antichi e di un certo valore, è, dunque, possibile recuperarli del tutto, anche se questi sono stati deturpati dall’azione del tempo e/o da un’infestazione da tarli.

Con un lavoro completo di trattamento antitarlo e restauro, infatti, è possibile cancellare i danni provocati dagli insetti e ridare vita ai manufatti, senza rinunciare, dunque, a mobili di antiquariato, con i quali può esserci un legame affettivo.


Categorie

Risolvi il problema dei tarli definitivamente

Richiedi un preventivo gratuito